Il miniaturista

il

f1f44ea0cef84fd2befd1582d02979dbb02774.jpg

Eccovi la storia di Petronella Oortman.

Amsterdam, 1686, la giovanissima Nella si trasferisce a casa del neo maritino Johannes Brandt e viene accolta dalla sorella di lui, Marin, dalla domestica Cornelia e dal tuttofare (ex schiavo arrivato dall’Africa) Otto.

Il misterioso marito per tenerla occupata le regala uno stipetto (ovvero lo stipetto della vera Petronella, conservato al Rijksmuseum) dentro cui c’è una perfetta riproduzione di casa Brandt. La ragazza contatta il miniaturista della città per arredare le piccole stanze ma iniziano ad arrivare pezzi non richiesti (tuttavia identici a quelli originali) e messaggi criptici che nascondono una sospettosa conoscenza dei segreti di famiglia.

Un libro lentissimo ma curatissimo. La scrittrice, l’esordiente Jessie Burton, ha studiato minuziosamente la cultura olandese di fine ‘600, ricreando una sorta di porta sul passato. Lo stile è impeccabile, lessico forbito e travolgente. I tempi al presente possono provocare delle iniziali difficoltà ma ne vale la pena perché finirete per essere risucchiati dai misteri del romanzo. Chi è il miniaturista? Come fa a conoscere i segreti dei Brandt, e non solo? Perché comunica con Petronella?  Vi sfido a riunire tutti i tasselli del puzzle prima della fine.

Sono 448 pagine, più alcune note e precisazioni storiche.

 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Matteo ha detto:

    bella recensione!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...