il gatto in fissa: E. J. Howard

“Jane, Jane… la grande, povera Jane. Lei sì che fu vittima della sua stessa immaginazione” Artemis Cooper

Rieccoci con la nostra Elizabeth-Jane-Howard-edrubrica #ilgattoinfissa. Questa settimana ho deciso di parlarvi di un’autrice che ultimamente sento nominare in continuo per le sua stra-apprezzata saga familiare e per la sfrontatezza con cui ha saputo trattare temi delicati come l’omosessualità degli anni ’40. Sto parlando di niente meno che Elisabeth Jane Howard.

Nata il 26 marzo 1923, sotto il segno dell’ariete, è stata una modella e  scrittrice prolifica e ha scritto ben quindici romanzi. I suoi genitori erano ricchi borghesi, sua madre in particolare fu una ballerina (vi ricorda qualcosa?) che preferì tutta la vita il figlio maschio Robin ad Elisabeth. La sua fu un’infanzia difficile a causa della depressione della madre (che tra l’altro le impedì di andare a scuola reputandola troppo stupida) e delle violenze da parte padre. Diventata donna fu infatti  estremamente inquieta sia come moglie che come madre. Si sposa la bellezza di tre volte, anche con l’autore Kingsley Amis, e colleziona parecchi amanti e spasimanti, abbandona una figlia e tenta invano di fare da madre ai figli di Kingsley.

Nella saga dei Cazalet si cela molto della sua vita personale. Si dice che il figliastro Martin Amis, figlio di Kingsley, le chiese di raccontare la sua giovinezza e lei stese il primo romanzo della saga, “Gli anni della leggerezza”. Il libro, ambientato negli anni ’30 inglesi, narra le vicende del Generale, di sua moglie la Duchessa e dei loro figli. Seguono “Il tempo dell’attesa”, “Confusione” , “Allontanarsi” e “Tutto Cambia”.

(Se avete letto la saga avrete notato la somiglianza tra Elisabeth Jane Howard e Louise, figlia di un esaltato nazionalista e di una ballerina, come l’autrice stessa.Se non avete letto neanche un libro dei Cazalet correte immediatamente ai ripari perché  i segreti e gli inciuci borghesi non mancano. Sarà come bere un cocktail a bordo piscina, o come guardare una serie tv d’altri tempi !

cazalet tutti.png

Che ci sia molto di Elisabeth nei suoi libri lo si capisce anche per il forte carattere delle protagoniste: donne libere e sfrontate che vorrebbero fare sempre di più.

“La Duchessa apparteneva a un sesso e a una generazione la cui opinione non era richiesta se non per malattie infantili e faccende casalinghe, ma questo non voleva dire che non avesse preoccupazioni più serie: semplicemente, queste facevano parte del vasto repertorio di argomenti di cui non si parlava e men che meno si discuteva tra donne, e non perché, come nel caso delle funzioni corporee, fosse sconveniente, ma perché era del tutto inutile che le donne s’interrogassero sulla politica e sulle vicende del genere umano. Le donne sapevano che il mondo era governato dagli uomini, che il potere lo avevano loro e che, dal potere corrotti, alla minima provocazione mettevano mano alle armi per averne di più, mentre le donne erano costrette a patire le peggiori ingiustizie.”

E. J. Howard muore il 2 gennaio 2014, poco dopo aver pubblicato la sua biografia ufficiale, che consiglio spassionatamente perché ha vissuto un’epoca magicamente ricca, provocatoria e unica (e poi perché io me la sogno colorata ed elegante come le copertine dei libri Fazi).

 “Mi sarebbe piaciuto arrivare alla fine della mia vita sposata a qualcuno che conoscevo da tempo. Sarebbe stato fantastico, ma ho incasinato tutto, è questo che non capisco. Si paga sempre per tutto”

P.S. Se volete fare i furbetti e vedervi la serie tv dei Cazalet del 2001, non fatelo, è uno scempio. Al limite attendete la prossima … sempre che la facciano davvero. MA SPERIAMO!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...